sabato 26 dicembre 2009

Tiziano Ferro - Mai nata

Mai canzone parlò così bene di me...

lunedì 14 dicembre 2009

Confessione

Credo che sia giunto il momento di fare un esame di coscienza... In questo giorno, dove inizia la mia nuova avventura come socio attivo dell'ANTR, il giorno dopo aver forse mandato in frantumi la cosa più bella che avevo, il giorno in cui mi sento più morta che viva dentro...
Ho sbagliato... non una, non due, non tre, ma cento, mille volte... ho sbagliato... Ho sbagliato il giorno che non ho voluto un aiuto perché a 14 anni non potevo aver bisogno di un aiuto, mica ero pazza, ero solo malata, non pazza... Pochi mesi dopo sono stata io a chiedere aiuto, perché ero stanca di piangere, ero stanca di nascondermi, di far finta di niente, quando invece tutto all'improvviso il mondo che mi circondava non aveva più senso e nulla di ciò che facevo aveva più importanza... ho sbagliato ancora quando ho deciso di smettere di farmi aiutare, perché ormai non ero più sola, avevo un ragazzo che mi amava nonostante tutto e questo mi rendeva forte... si, forte... così forte che sono caduta in depressione e tiravo avanti a psicofarmaci e sonniferi... bella forza... mi sono fatta aiutare di nuovo, perché stavo allontanando tutti con i miei sbalzi d'umore e le mie tirate senza senso... e appena mi sono sentita meglio ho mollato tutto ancora una volta, convinta di saper ormai gestire da sola la situazione... è arrivato il trapianto, finalmente avevo di nuovo in mano la mia vita, la mia terza vita... Ero convinta che avrei visto tutto sotto una nuova luce, volevo sfruttare ogni secondo per fare qualcosa di buono, come se dovessi recuperare 6 anni di vita in cui sono stata più che altro in balia degli eventi. Come dice un saggio proverbio "La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni": i miei buoni propositi sono durati ben poco... ben presto l'euforia ha lasciato il posto a rabbia e risentimento, che mi hanno fatto cambiare, giorno dopo giorno... e un bel giorno, quel ragazzo che tanto diceva di amarmi è scappato via senza nemmeno una spiegazione e con lui se n'è andato quel futuro che già avevo progettato... nonostante tutto, in quei 2 mesi d'inferno ho fatto la tesi e mi sono laureata... e da quel giorno mi sono ritrovata immersa in un limbo e non sapevo che fare della mia vita...sentivo che stavo ricadendo nella depressione, ma ho preferito attaccarmi alla prima scusa per non affrontare questa scomoda realtà. Per dare una svolta alla mia vita mi sono iscritta di nuovo all'università, l'unica cosa che mi riusciva bene fare... Ma i problemi non risolti prima o poi tornano a galla... ed ecco gli attacchi di panico e quella rabbia che esplode improvvisa senza un motivo e sempre su chi in tutto questo ha meno colpe di tutti: i miei genitori. Mi capita un'altra occasione per cambiare, uno stage in Ducati... faccio il colloquio, mi prendono, ed ecco che mollo l'ambiente universitario ormai ostile per gettarmi anima e corpo in questa nuova avventura lavorativa che mi accompagnerà fino a Natale... peccato solo che una sera di luglio, in un giorno come tanti, ho deciso che non c'era nulla per cui valesse la pena lottare ancora... 32 ore è durata questa follia, 32 ore senza prendere quelle pastiglie che mi permettono di vivere... avevo toccato il fondo, ma ero sicura che, pur riconoscendo la stupidità di quello che avevo fatto, quel gesto mi avrebbe aperto nuovi orizzonti... E finalmente arriva agosto, si parte per la Calabria, si torna con tante belle speranze e credendo di aver ritrovato nuove energie. Le speranze si sono infrante appena mi sono scontrata di nuovo con la realtà e le energie si sono esaurite ancora prima che tornassi a lavorare... però in tutto questo è arrivato Marco, un ragazzo così speciale da amarmi incondizionatamente nonostante le cicatrici, i problemi, il mio umore ballerino... Avevo ritrovato la serenità...
Chi mi conosce veramente sa che questo periodo per me è molto particolare e che provo delle sensazioni così forti che non riesco in alcun modo a contrastare... L'antidoto Marco non funziona più, le mie crisi sono sempre più frequenti, raggiungo livelli di nervosismo tali che nulla mi va bene... cerco di tenere dentro questa rabbia che aumenta, ogni tanto la diga ha un piccolo cedimento, ma tutto sommato regge... fino a ieri sera, quando dal niente si è scatenata l'inondazione e ho riversato fiumi di parole che quasi non ricordo addosso all'ennesimo innocente... e dopo le parole di rabbia le scuse, i mi dispiace... fino a raggiungere quasi inconsciamente la consapevolezza: "Possibile che l'odio che provo per me sia più grande di qualsiasi altra cosa? Come si può vivere così?"
E oggi, il mostro che vedo allo specchio ormai da un po' è ancora più orribile... ho ferito l'unica persona che a modo suo cercava di starmi accanto, colui che ha la sola colpa di essersi innamorato di me... di me, io che sono la prima che non vuole stare con sé stessa e che da sé stessa non può scappare... e lui continuava nonostante tutto a dirmi che sono speciale... certo, come no, speciale nel senso che sono unica, per fortuna del mondo...
Non so con Marco come finirà, perché dubito che una volta che avrà riflettuto su quello che è successo ieri sera vorrà ancora vedermi... e forse sarebbe un bene per lui, perché merita davvero una ragazza che lo renda felice e che gli faccia capire quanto sia meraviglioso...
Per quello che mi riguarda, mi farò aiutare ancora e questa volta devo andare fino in fondo... lo devo al mio angelo, lo devo a tutti quelli che mi vogliono bene, che subiscono il mio odio e il mio rancore, ma che nonostante tutto ancora mi sopportano... non voglio più fare loro del male, non voglio più sentirmi un mostro... e intanto, mentre affronterò questo lungo cammino, darò una mano a quelli che, come me, hanno avuto o tuttora hanno a che fare con un reparto di nefrologia e dialisi, perchè al momento aiutare gli altri mi riesce molto più semplice che aiutare me stessa...

venerdì 30 ottobre 2009

Il viaggio continua...

Eccomi! Come promesso questa mattina, altro viaggio, nuovo post. :)
Stamattina ho raccontato dei miei prossimi impegni, ora direi che è il caso di vedere un po' cos'è successo in queste ultime settimane...
Un paio di settimane fa al lavoro è stato un delirio... praticamente non c'è stato un giorno in cui abbia fatto solo le mie 8 ore, tanto è vero che non sono arrivata a casa al solito orario una sera. Questo, unito all'improvviso calo delle temperature, ha fatto sì che la sera del mio primo mesiversario con Marco, invece di uscire a festeggiare, sia stata costretta a prendere due tachipirine e ad andarmene a letto: oltre a sentirmi uno schifo, il termometro segnava 36,9°... troppo vicino alla soglia "febbre" per rischiare.
In compenso il sabato sera successivo il mio tesoro mi ha fatto fare un passo nella sua vita, presentandomi il suo "fratellone" e la sua ragazza. Siamo andati a cena in una location molto suggestiva (il "Rifugio degli artisti" a Dosso), dove abbiamo mangiato bene e abbiamo degustato dell'ottimo vino, ma soprattutto ci siamo fatti un sacco di risate!!! Che dire, mi sono trovata molto bene con loro e spero ci sarà presto un'altra occasione per uscire insieme.
Per me quella cena era molto importante per ciò che rappresentava e devo ammettere che è stata una piacevolissima serata, ben oltre le più rosee previsioni :)
Il sabato precedente, invece, siamo andati al compleanno di un mio caro amico, Luca. Abbiamo avuto modo di parlare con lui un po' più tranquillamente che in occasione del mio compleanno e, tra una chiacchiera e l'altra, è stato reclutato per venire a cantare al nostro matrimonio, quando sarà... Già, ormai se ne parla quasi tutti i giorni... wow, io che parlo di matrimonio, questa sì che è grossa! Non credevo che qualcuno sarebbe mai riuscito a farmi riscoprire questo desiderio ormai sepolto da tanto tempo... Invece con Marco è tutto così naturale, ho finalmente trovato la serenità che tanto cercavo grazie a lui ed è con lui che voglio trascorrere il resto della mia vita.
Sarò impazzita?!?!?! Chi può dirlo... magari sono solo rinsavita...

In viaggio...

... verso Borgo Panigale, sede della Ducati Motor Holding dove sto facendo uno stage molto impegnativo.
Stamattina ho deciso di munirmi di MacBook Pro proprio per scrivere qualcosa sul blog, che ultimamente sto trascurando un po' troppo... e di cose da raccontare ne avrei eccome!
Partiamo dal futuro prossimo. Domani sera rimpatriata con alcuni amici dell'università a casa della Francy! Non vedo l'ora!!! Stasera mi diletterò nella nobile arte della pasticceria affichè la cena si possa concludere nel più dolce dei modi... :P
Altra novità, il "sequestro di persona" che la Ducati attuerà nei miei confronti (e non solo)la prossima settimana. Non solo lunedì e venerdì sono giorni di chiusura aziendale in cui ducati.com lavorerà, ma ci hanno incastrato anche sabato 7 e domenica 8! Se contiamo che dopo domenica ci sono altri 5 giorni lavorativi, a partire da lunedì prossimo lavorerò 12 giorni consecutivi... non male, considerando che io lo faccio "per la gloria"... O.o'
Mi vedo costretta a interrompere la narrazione, essendo in prossimità della stazione di Bologna... il resto al prossimo viaggio :)
Per il momento buona giornata!

domenica 4 ottobre 2009

Novità...

E' passato quasi un mese dall'ultimo post e di cose ne sono successe tante...
Nell'ambito universitario ho dato altri due esami, entrambi 2 settimane fa, superati direi brillantemente (un 30 e un 26); del primo anno mi sono rimasti indietro 2 esami, ma uno lo devo assolutamente dare idealmente entro novembre (e comunque non oltre febbraio del prossimo anno).
Per quanto riguarda la mia sfera strettamente personale, domenica scorsa ho compiuto gli anni... sono arrivata alla magica cifra, quella che da sempre sento che mi regalerà qualcosa di speciale... e in effetti è stato così :)

La novità più grande e più bella riguarda la sfera affettiva... eh già, la bellezza di due settimane fa, nel bel mezzo del Barbarossa a Medicina la mia frequentazione con Marco si è trasformata in relazione... e così stiamo insieme da due settimane :) Finalmente ho trovato un po' di pace, mi basta pensare a lui e la tempesta dentro me si placa. E' un ragazzo meraviglioso, è dolce, generoso, tranquillo, determinato, romantico, con la testa sulle spalle, sensibile... sono stata davvero fortunata ad incontrarlo... e non potevo non innamorarmi di lui, ha tutto quello che potrei desiderare, anzi, anche di più... forse non meritavo tanto...



Questa la dedico a lui... ieri sera gli ho detto che ci mancava la nostra canzone, lui ha replicato dicendo che ne aveva in mente una che secondo lui era perfetta... ed era la stessa che pensavo io... Marco, sei il regalo più grande che la vita potesse farmi... Ti amo...


sabato 12 settembre 2009

Il volo

Volavo
volavo in alto
sempre di più
sospinta dal vento della determinazione
di raggiungere quella vetta
che mi avrebbe spalancato le porte
del paradiso terreno
Poi un giorno
colui che mi stava accanto
ha lasciato la mia mano
e senza proferire parola
ha spezzato le mie ali
facendomi precipitare
giù
in un baratro più nero
di una notte senza luna
“Sono ancora viva...”
Esanime
senza quasi la forza di respirare
ho provato ad alzarmi
una volta,
e una seconda,
e un'altra ancora....
il dolore mi schiacciava al suolo
e stremata dalla lotta
mi stavo arrendendo...
Ma io volevo raggiungere quella vetta...
Sapevo di poter volare anche da sola...
Quasi senza accorgermene
ho cominciato a curare le innumerevoli ferite
tra disperazione e determinazione
tra lacrime e sorrisi
tra illusioni e speranze...
Finalmente sono guarita
ma ancora non era finita...
dovevo trovare il coraggio
di spiccare il volo
consapevole che da sola
non ci sarei mai riuscita.
E quando ormai mi stavo rassegnando
al mio limbo
ho incontrato lui
spaventato come me
di cadere di nuovo...
Non so come
cosa sia successo...
Ci siamo fatti coraggio
e prendendoci per mano
ad occhi chiusi
trattenendo il respiro
ci siamo buttati...
Ora
insieme
stiamo imparando a volare di nuovo...
e se mai un giorno ci sorprenderemo
a guardare in alto
nella stessa direzione
allora forse quel giorno
ricomincerà il viaggio
verso la felicità...

mercoledì 9 settembre 2009

Finalmente pace...

Per una volta, il mio desiderio di scrivere è dettato da un senso di pace interiore scaturito da una profonda gioia arrivata come un lampo a rischiarare una buia giornata...
Tutto è cominciato nel peggiore dei modi: giù dal letto alle 6 di mattina perchè mamma non si ricorda che oggi hai l'esame e quindi non vai a lavorare... poi arriva papà che ti chiede delucidazioni su cose evidentemente non così ovvie... mettici pure l'ansia di fondo da esame in arrivo e la corsa a prendere un treno che non era in programma... altro che "... del pelide Achille, l'ira funesta..."!!! Finalmente arrivo a Bologna... il ripasso, l'oretta di tutto ciò che non è oggetto di verifica, e poi alle 15... esame di Knowledge Management e Data Mining, scritto e/o orale (dipende se il prof. ti lascia fisicamente il tempo di farlo, lo scritto). Sono stata l'ultima di otto, un'ora e mezza dove è successo tutto e il contrario di tutto, dove ero arrivata a pensare che avrebbe sfogato tutte le sue ire su di me, e invece... Domanda a pseudo-piacere ("Parlami della cosa più difficile che hai incontrato nel corso") da cui si è agganciato per rifarmi una delle domande a cui non aveva ottenuto risposta "Demographic Clustering: perchè si chiama così?" e, incredibile ma vero, il ragionamento che ho fatto mi ha portato a dare la risposta giusta e ad aggiungere un bel 30 e lode sul libretto!!! Ancora non mi sembra vero!!! :D


Finito l'esame ho raggiunto la Francy e sono rimasta con lei un'oretta, dopo di che sono andata a recuperare il mio cavaliere...
Credo di essere "inciampata" in uno dei pochi uomini dotati di cervello funzionante, che sa cosa vuole dalla vita, che sa cosa significhi corteggiare una donna e che non ha fretta di arrivare al dunque perchè rispetta i miei tempi... è la terza serata che passo con lui, e se dopo la prima ero stata assalita da mille dubbi e ansia da paura di soffrire, ora devo ammettere che mi fa stare bene, molto bene... quando sono con lui dentro me torna quella serenità che ormai credevo perduta per sempre...
E dopo tanto tempo posso dire di andare a nanna fiera di me stessa per quanto ho ottenuto all'esame e felice per la splendida serata che ho passato in compagnia di colui che è sulla buona strada per occupare un posto importante nella mia vita...

mercoledì 2 settembre 2009

Blackout

Ci sono giorni in cui all'improvviso il solo pensiero fisso è quello di scappare via il più lontano possibile dal resto del mondo... un istante prima tutto tranquillo, l'attimo dopo inizia l'incubo, un attimo prima la luce, un istante dopo il blackout.
Ad un tratto si perde ogni stimolo e tutto viene permeato da una coltre di apatia, vorresti che la gente intorno a te sparisse, che tutto si fermasse... dipendesse da te, anche cuore e polmoni cesserebbero il loro lavoro...
Il punto è che nemmeno sai perchè sta succedendo tutto questo, ti senti incapace di trovare una soluzione e ti lasci cullare da questa profonda agonia. Non vedi l'ora di arrivare a casa e rifugiarti nella tua camera, lontana da orecchie e occhi indiscreti, tu e il tuo dolore, la tua ansia, tu e la parte più recondita di te, quella che ti spaventa, quella che una volta ti ha spinto a saltare giù nel burrone, dove poi sei riuscita a trovare un appiglio e a risalire...
Quel giorno hai acquisito una nuova consapevolezza, morire non è la risposta... Ciò nonostante, continui a camminare sul ciglio rischiando di scivolare di nuovo... perchè? Cosa ti impedisce di spiccare il volo?
Ricorda: "... non pingere vedrai un giorno il sole tornerà, non può piovere per sempre allagando le città di lacrime..."

martedì 1 settembre 2009

Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce.

Così recita un celebre aforisma di Pascal. Chi mi conosce mi ha sentito spesso dire questa cosa... ritengo sia l'unica spiegazione possibile per tanti comportamenti "razionalmente inspiegabili", come il continuare a farsi del male correndo dietro ad una persona che dice di amarti e poi ti manca continuamente di rispetto, o il rimanere fossilizzati nel doloroso ricordo di un sogno infranto all'alba della sua realizzazione...
Riflettevo su quanto questa frase possa dare un senso a quello che mi sta succedendo... è possibile che la ragione governi i sentimenti? O forse il cuore lacerato da tante ferite è incapace di battere ancora per qualcuno? O è soltanto paura di ricadere in quel baratro da cui forse non sono ancora uscita? Si può decidere "razionalmente" di stare con un'altra persona?
Se qualcuno facesse a me questo discorso probabilmente direi che forse non è la persona giusta... e se non fosse così? Se invece bastasse concedersi un po' di tempo per buttare giù un muro fatto di delusione e lacrime?
Che confusione...

giovedì 27 agosto 2009

Pensieri e parole...

Stamattina, in viaggjo verso Bologna, ho buttato giù qualche pensiero...

"Ci sono giorni come questo che d'improvviso ti ritrovi catapultato nei meandri dei tuoi pensieri e non sai nemmeno come ci sei finito... è come se qualcuno avesse attivato la modalità stand-by dalla quale non riesci più ad uscire perché intrappolato in un vortice che ti porta sempre più giù e più ti sforzi di capire quale meccanismo perverso si sia avviato e più non trovi risposta...
Chiusa in questo treno con i finestrini sigillati e l'aria condizionata spenta mi sento soffocare... e pensare che ieri sera mi hanno detto che sono una persona solare... mi sa che ha ragione il test di Facebook quando dice che indosso la maschera della felicità: in mezzo agli altri rido... dentro di me lentamente muoio..."


Ho riletto queste poche frasi e mi sono sembrate la premonizione di quella che si è rivelata essere una giornata emotivamente faticosa, dove l'unica cosa che sento di aver fatto è perdere tempo prima dietro la burocrazia, poi con un programma che proprio non ne vuole sapere di funzionare sul Mac... Per la prima volta da quasi un anno sono arrivata a dire che quasi quasi mollo l'università, mi sono stancata di combattere contro i mulini a vento... per cosa poi? E chi lo sa...
E le cose non è che siano andate meglio una volta tornata a casa... dopo un mesetto di agonia è morto il padre di mio zio... mille telefonate per decidere se fare un viaggio di quasi 700 Km per andare domani pomeriggio al funerale dell'ennesima persona che si è spenta in modo così crudele... già la vita è piena di dolore e sofferenza, possibile che si debba tribolare anche per morire?!?!?! Non è giusto...

martedì 25 agosto 2009

Ciao ciao mare...

Prima o poi tutto finisce... in questo caso sono finite le vacanze con un interminabile viaggio di 11 ore su un Intercity notte che mi (in realtà ci, dato che c'era anche la Francy) ha riportato nella dotta e grassa Bologna.
Il bello è stato arrivare con 5 minuti di anticipo (si, avete capito bene, un treno in anticipo...) e scoprire che i tuoi genitori, accaniti sostenitori del "meglio un quarto d'ora prima che un secondo dopo", hanno ben 5 minuti di ritardo!!! Per un attimo ho pensato che Trenitalia e papà si fossero messi d'accordo per far venire un'uragano a rifrescare questo afoso agosto bolognese. Evento degno di nota, dato che una simile congiunzione dubito si ripeterà! :P
Considerando che ero sveglia dalle 8 del giorno prima, non so dove ho trovato le forze di disfare la valigia una volta arrivata a casa. Fatto sta che tra una naufragata in Internet (per navigare il cervello avrebbe dovuto guidare la mano, invece era troppo preso a tenere aperti gli occhi) e una risistemata alle mie cose si è fatta ora di pranzo. Un'ora dopo ero letteralmente collassata sul letto per una pennichella (ormai non ho più l'età per fare l'after e andare a nanna direttamente la sera). Il resto della giornata mi è scivolato addosso senza particolari avvenimenti e col pensiero che oggi mi sarei dovuta svegliare alle 6:30.
Il bilancio del soggiorno Calabrese è decisamente positivo: ottima ospitalità, bellissimo mare, relax e divertimento ben dosati... e mi hanno fatto pure l'onore di diventare la madrina di Maria, la nipote della Francy! :D

Bentornata vita da studentessa universitaria, con la tua sveglia a orari indegni perchè in agosto i treni che ti farebbero comodo sono stati soppressi... arrivo mezz'ora prima o mezz'ora dopo? Mah! Fatto sta che questa mattina verso le 9 sono arrivata al dipartimento di Matematica e ho scoperto che fino a fine agosto chiude alle 14. Faccio un tentativo a Geologia... chiusura ore 13:30... Arrivata la Simo abbiamo deciso di andarci a rifugiare nella biblioteca della Sala Borsa (che apre alle 10, per cui abbiamo speso una buona mezz'ora in chiacchiere) e li siamo rimaste fino alle 17. Bilancio della giornata: progetto di LPW (Laboratorio di Programmazione Web, n.d.a.) ricominciato da capo utilizzando l'ultima versione disponibile dei Web Service... siamo tornate allo stesso punto della prima versione datata 15 luglio, ma aggiornando e correggendo gli errori. Da domani inizia il difficile, bisogna andare avanti... e Intalio sul Mac va in crash ogni volta che provo a fare determinate cose... che simpatia!!!

mercoledì 19 agosto 2009

Neffa - Lontano dal tuo sole



Sono pronto per rialzarmi ancora,
è il momento che aspettavo e ora
nonostante questo cielo sembri chiuso su di me
nessuno mi vede
nessuno mi sente,
ma non per questo io non rido più.
Io son qui in un mondo che ormai
gira intorno a vuoto
lontano dal tuo sole
e piove, ma io qualche cosa farò
per sentire ancora
tutto il calore che ora non ho
e avere un po’ di pace che ora non ho
e luce nei miei occhi che ora non ho
una direzione giusta che ora non ho
…che ora non ho


Sulla strada
troppe stelle spente
la tua mano ora servirebbe
troppa gente alza il dito
e poi lo punta su di me.
Nessuno mi crede, davvero innocente,
ma non per questo io non vivo più.
Io sono qui in un mondo che ormai
gira intorno a vuoto
lontano dal tuo sole,
e piove mai io qualche cosa farò
per sentire ancora
tutto il calore che ora non ho
e avere un po’ di pace
che ora non ho
e luce nei miei occhi
che ora non ho
una direzione giusta
che ora non ho (x3)
E avere un po’ di pace
che ora non ho
e luce nei miei occhi
che ora non ho
una direzione giusta
che ora non ho (x3)

venerdì 14 agosto 2009

Il mare

Finalmente ieri siamo state tutto il giorno al mare... e che mare! Ve ne regalo alcuni secondi con questo breve filmato.

video


Il tempo incerto, sfociato in un temporale con lampi e tuoni martedì scorso, sembra aver definitivamente lasciato il posto ad un magnifico sole, che ci siamo godute a tal punto ieri in spiaggia da esserci abbronzate sì, ma al limite dell'ustione! Infatti oggi pausa, in parte per evitare la scottatura e in parte per recuperare dalle ore piccole fatte questa mattina e che ci hanno tenuto a letto fino a tardi! Non c'è niente da fare, ci vuole il fisico per fare le nottate in giro... stiamo proprio invecchiando! Sigh!

domenica 9 agosto 2009

Secondo giorno...

Secondo giorno del mio soggiorno in terra calabrese. Il viaggio è stato massacrante in primis perchè è durato quasi 12 ore (invece delle 10 previste) in cui c'è stata anche una parentesi non molto piacevole: la guida eccessivamente sportiva dell'autista lo ha portato a inchiodare 4-5 volte nel giro di pochi minuti, scatenando le ire dei passeggeri (della serie, il fatto di arrivare a destinazione incolumi è condizione necessaria e sufficiente, l'eventuale ritardo è un attributo poco piacevole, ma tollerabile).
In secundis, non ho praticamente dormito, in compenso ho pensato tanto, troppo, come mio solito...
Sono partita con una nuova ferita nel cuore, aperta giusto qualche ora prima di lasciare casa, di cui non posso e non voglio parlare. L'unica conclusione che ho tratto dai miei lunghi ragionamenti è che la mente umana è davvero un complesso gomitolo di sentieri da percorrere, dove ad ogni battito di ciglia c'è un bivio e basta imboccare per errore la via sbagliata che le conseguenze possono essere davvero difficili da immaginare... eppure accade... il fascino sta tutto qui, nell'imprevedibilità... facile giudicare da fuori, ma con quale presunzione una persona può mettere bocca dove nemmeno il diretto interessato sa esattamente come è arrivato lì???

Chiusa la divagazione, torniamo al racconto originario...
Io e la Francy siamo arrivate a destinazione ieri mattina intorno alle 9.15. La giornata è trascorsa in modo abbastanza anonimo, la stanchezza l'ha fatta da padrone. In realtà, la pennichella pomeridiana ci ha dato le forze necessarie per andare a fare un giro alla festa a Mirto con la sorella della Frà e la sua famiglia. Ad un certo punto ci siamo ritrovate io, la Francy, la piccola Maria e la sua carrozina in giro sul lungomare :D Raggiunto il bar dove avremmo preso qualcosa prima di andare a casa, ci sediamo e... sorpresa! Piove!!! Non ci potevamo credere!!! Pazienza, siamo entrati, abbiamo preso la nostra consumazione e poi di corsa a casa a dormire (io e la Frà mica tanto... l'astinenza da Internet dove la mettiamo?!?!)
Oggi ci siamo svegliate verso le 10, forse anche un po' dopo, e abbiamo preso atto della presenza degli zii di Francesca (hanno trascorso qui l'intera giornata). La mattinata è volata, complice anche la sistemazione delle nostre cose in un armadio. Nel pomeriggio abbiamo lavato la macchina... è stato un lavorone, ma ne è valsa la pena! E' davvero un gioiello di macchina!!!
Il resto della giornata è trascorso tra doccia, cena e riposo, durante il quale ho ben pensato di venire qui a scrivere qualcosa... ^_^ Domani inizia una nuova settimana, sperimao colma di belle cose!!!
Direi che è venuto il momento di andare tra le braccia di Morfeo... Buona notte!!!

venerdì 7 agosto 2009

In viaggio...

... verso la Calabria, destinazione Calopezzati, il primo viaggio con la Francy. Ci aspettano 10 ore nella terzultima fila del pulmann che ci sta portando verso la nostra sospirata vacanza.
Tante emozioni accompagnano questo momento, quella predominante è sicuramente la voglia di cambiare aria per un po', spezzare la routine per cercare di dare un po' di sollievo all'anima ultimamente tanto, troppo tormentata...
Sono partita carica di buoni propositi, in primis rilassarmi e riposarmi un po', senza però dimenticare che a settembre ci sono gli esami e bisogna studiare!!! E poi, cercherò di lasciare da parte i cattivi pensieri, come se li avessi dimenticati a casa... non so se ne sarò capace, ma di certo ci proverò! Staremo a vedere come va... Intanto a chi come me è in viaggio, a chi è già partito e a chi deve ancora partire auguro buone vacanze! :D

mercoledì 5 agosto 2009

Noemi - Briciole

Chi ha seguito X-factor si ricorderà sicuramente di lei. A mio parere la ragazza ha talento e una bellissima voce e credo che ne sentiremo parlare ancora.
Questa sua canzone mi riporta alla mente tanti ricordi legati a quanto successo quasi due anni fa. Si dice che il tempo guarisca ogni ferita, ma questa, nonostante io abbia voltato pagina da un po', fa ancora male...

lunedì 3 agosto 2009

Quando ci vuole ci vuole!

Parliamo di fine settimana con annessi e connessi.
Tutto è cominciato sabato mattina, quando ho preso la macchina di papà e sono partita, carica di buoni propositi, per trascorrere qualche giorno con una mia carissima amica. La macchina... prima cosa inusuale per me abituata a spostarmi sempre in treno. In quel momento mi sono sentita libera e padrona del mio tempo: niente orari, niente ritardi, niente corse furibonde al limite dell'infarto per non perdere il treno...
Giunta a destinazione, mollo la macchina, raggiungo la mia amica e andiamo a fare il biglietto per partire; ormai è ufficiale, si parte venerdì sera, destinazione Calabria. E anche questo direi che non si fa tutti i giorni...
Poi un po' di sano shopping in centro, seguite da quattro chiacchiere con un caro amico che non vedevo da un po' (vero Ale?! :P), poi spesa e seratina tranquilla per essere riposate il giorno dopo.
Domenica piscina a Monterenzio... e idromassaggio a più non posso (che goduria!). Siamo tornate a casa stanchissime, ma ne è valsa la pena! :D
Non contente, stamattina IKEA e Carrefour a Casalecchio... ero in vena di fare spese che ci devo fare??? Tra le varie cose ho comprato un supporto studiato per tenere il computer portatile sulle gambe costituito da una base rigida e un cuscino... mi sa che lo proverò molto presto ;-)
Ora sono a casa, stanca, serena e pienamente soddisfatta dei miei acquisti, che giacciono ancora in parte sul mio letto... meglio che vada a mettere un po' di ordine!!! :P

domenica 2 agosto 2009

Si comincia!

Domenica mattina. Data l'ora c'è un tale silenzio, rotto solo dal passaggio di una qualche automobile diretta chissà dove e io già sveglia ormai da mezz'ora, assonnata per le poche ore che ho dormito e per le tante che dovrei recuperare...
Quale occasione migliore, aspettando che la mia amica si svegli, per inaugurare questo blog, nato in una calda notte insonne un paio di giorni fa.
Oggi il menu prevede crogiolamento al sole alternato a refrigeranti ammolli in piscina, conditi con qualche bracciata di stile libero un po' improvvisato! :)
... sento dei rumori... è iniziata la giornata anche per la mia sorellina, è ora di andarsi a preparare!!!