domenica 7 novembre 2010

"Non è felice chi soffoca se stesso"

Sento il bisogno di provare a svuotare corpo, mente e anima da questo senso di soffocamento che oggi è diventato insopportabile...
L'unica cosa che so con certezza è che non sono felice, tutto il resto è caos.
Ho letto il libro "Ciascuno è perfetto - L'arte di stare bene con se stessi" di Morelli e mi è rimasta impressa una frase: "Non è felice chi soffoca se stesso". Fatalità, a me da giorni manca sempre di più l'aria, mi sento schiacciata e oppressa dal pensiero di aver sbagliato tutto, perchè non sono giorni nè mesi, ma anni che la mia vera essenza tenta invano di venire a galla... o almeno questa è la conclusione a cui sono giunta, visto che non solo nulla di ciò che faccio mi da energia, ma anzi ogni giorno mi sento sempre più in riserva, al punto di avere di nuovo il pensiero di piantare tutto e tutti e scappare... E come se non bastasse, faccio del male e logoro chi mi sta accanto...
E allora andare avanti così che senso ha?