venerdì 31 dicembre 2010

Tempo di bilanci e previsioni

Siamo ormai giunti all'epilogo di questo 2010 e, come nelle migliori tradizioni, è tempo di tirare le somme per vedere se il bilancio si chiude in positivo oppure no.
Ho sfogliato una ad una le pagine dell'agenda, ripercorrendo le tappe significative di questi ultimi 12 mesi... Quante cose sono accadute, alcune belle, altre meno, ma ognuna di loro rappresenta un passo lungo il sentiero della vita. Mettiamo un po' di ordine...

Elenco delle esperienze da tenere:
  • 10/01 - Marco mi ha fatto conoscere i suoi
  • 10/02 - Ho portato a casa la mia Bimba (ovvero la mia Punto EVO)
  • 21/02 - Ho conosciuto Clarenza, Armando, Laura ed Enrico... ci sono voluti più di sei anni, ma non mi pento di aver aspettato perchè così facendo quella tempesta di emozioni che ho provato l'ho vissuta pienamente (anche solo qualche mese prima mi avrebbe travolta)
  • 12/04 - Dopo quasi un anno di stage in Ducati, in questo giorno ho iniziato la mia avvenura come Project Manager in Gecod. E' ufficiale, ho un lavoro.
  • 25/04 - In occasione del Convegno annuale, durante l'assemblea dei soci ANTR vengo eletta membro del consiglio direttivo
  • 13-15/08 - Finalmente ho visto Roma! E in ottima compagnia ;)
  • 21-28/08 - La prima vacanza con Marco. Finalmente un po' di pace...
  • 12/11 - Marco ha passato l'esame di stato: congratulazioni avvocato!
  • 08/12 - Per la prima volta sola, per la prima volta niente lacrime...
  • 10/12 - Vede la luce "Il trattore e la cariola - Un cuore per due"
  • 20/12 - Si sono laureati la Fra e Alessio! Il "Gruppo Zioni" è ora interamente composto di Dottori in Scienze di Internet ;)
Elenco delle cosa da archiviare
  • La tizia che mi ha investito e poi mi ha laciata lì con la bici distrutta e un piede gonfio e dolorante (ancora non so come ho fatto ad arrivare a casa a piedi...)
  • I "100 giorni" di rotta di mia zia e il suo compagno che hanno reso casa un'inferno per un paio di mesi (per fortuna non continuativi)
  • La decina di giorni di lavoro sfociati nel maledetto rilascio del 2 agosto (per cui ho fatto notte in ufficio) con tutti i casini che ne sono derivati
  • Gli ultimi 2 mesi di lavoro, una continua escalation di casini e ore in più, col bel risultato che alla fine mi sono cuccata pure l'influenza, nonostante sia vaccinata
  • I libri dell'università chiusi ormai da troppo tempo
  • Gli attacchi e i malesseri della Vale dovuti alla SM 
  • La gastrite, l'insonnia, le emicranie, il mal di schiena, la varice e tutti gli acciacchi che mi hanno reso tutto più difficile
  • Il mio nervosismo, incontrollabile al punto da prendermela con le persone più importanti e meravigliose della mia vita...
Alla fine poco importa se il bilancio è in attivo o in passivo. Sono consapevole che nell'arco di una vita i momenti di gioia e le esperienze positive non sono che piccole parentesi che ci consentono di andare avanti e, forse inconsciamente, nutrono in noi la speranza che possa esserci qualcosa di migliore dietro l'angolo. Vien da se che probabilmente l'ago della bilancia penderà verso il piatto delle cose da archiviare. Speriamo di aver imparato le varie lezioni e di non rifare più gli stessi sbagli.

Terminati i bilanci, spendiamo due parole per l'imminente 2011.
Quante volte l'arrivo di un nuovo anno ci fa sentire positivi e propositivi al punto da fare l'elenco dei buoni propositi. A me capita tutti gli anni ormai da troppi anni e puntualmente questi "buoni propositi" vanno a farsi benedire il 2 gennaio. Sarà la volta buona questa? Mah, dubito, intanto però per la prima volta provo a scriverli... magari aiuta.

Buoni propositi per il 2011:
  • Prenditi cura di te stessa: trova il modo di fare attività fisica, non accollarti i problemi del mondo (ma magari pensa ai tuoi ogni tanto), non lavorare troppo (il lavoro non è tutto nella vita), smettila con gli spuntini prima di andare a dormire (la fame nervosa ti porta solo ad ingrassare... e ad innervosirti di più) e ogni tanto dai retta anche al cuore e all'istinto e non solo alla testa (che stai pure perdendo colpi)
  • Riprendi in mano quei libri! Oppure mettici definitivamente una pietra sopra. L'importante è prendere una decisione, quella giusta per te! E poi agire di conseguenza...
  • Trova il tempo per le cose importanti ma non urgenti (Quadrante II ti dice niente?)
  • Respira...

domenica 5 dicembre 2010

Andare va bene però a volte serve un motivo...

Oggi è uno di quei giorni in cui non ho nemmeno voglia di respirare...
Durante la settimana sei a pezzi per lo stress e il troppo lavoro, ma almeno sei "obbligato" ad alzarti e affrontare la giornata. Poi arriva il tanto sospirato e agoniato week-end e... apri gli occhi la domenica mattina, fuori è tutto bianco di brina illuminata da un pallido sole e tu al calduccio sotto le coperte. Ti senti pesante, come se il tuo corpo fosse fatto di piompo, rimani immobile, ti guardi intorno mentre la mente si perde in un turbine di pensieri... Cerchi un appiglio, qualcosa che ti dia la spinta per superare quell'oppressione che ti tiene lì e più la cerchi più non la trovi, fino a quando poi esausta ti arrendi... resti lì, quasi fatichi a sentire il sibilo del tuo respiro...
Non so se sia l'avvicinarsi dell'8 dicembre e questo disperato bisogno che sento di andare da Giulia per lasciarmi avvolgere da quella pace che solo il silenzio di quel luogo e la magia del nostro legame riesce a darmi...
Il punto è che ancora non ho trovato una buona ragione per vivere questa giornata...

mercoledì 1 dicembre 2010

Vado via... Resto qui...

Vado via perché mi sento impotente
Resto qui per non darla vinta a chi mi fa sentire impotente
Vado via perché sono stanca di dover alzare la voce per vedere riconosciuti i miei diritti
Resto qui perché, almeno sulla carta, ho dei diritti
Vado via perché a 28 anni ho passato metà della vita a lottare per la mia vita
Resto qui perché curarmi mi costa bene o male solo tanta pazienza
Vado via perché non mi sento libera di scegliere
Resto qui perché in fin dei conti nessuno è davvero libero di scegliere
Vado via perché sento sempre più forte il desiderio di fuggire lontano
Resto qui perché fuggire non è mai la soluzione
Vado via perché ho capito che non si riescono a cambiare le cose
Resto qui perché comunque ci sono tante cose che posso ancora fare
Vado via perché nel mio futuro vedo solo una grande incertezza
Resto qui perché l'unica grande certezza della vita è la morte
Vado via perché ho paura di vivere
Resto qui perché non ho paura di morire
Vado via perché pochi noterebbero la mia assenza
Resto qui perché la mia migliore amica ha la sclerosi multipla e ha bisogno di me
Vado via perché ci sono ancora medici che ostacolano i trapianti da vivente
Resto qui perché tra 7 giorni saranno 7 anni che Giulia è morta... e io sono rinata...

Elenco dei dati relativi ai trapianti d'organo in Italia dal 2002 ad oggi

Nel 2002: 1.713 donatori, 2.684 trapianti, 158 trapianti da vivente
Nel 2003: 1.892 donatori, 2.747 trapianti, 173 trapianti da vivente
Nel 2004: 2.042 donatori, 3.219 trapianti, 158 trapianti da vivente
Nel 2005: 1.961 donatori, 3.164 trapianti, 138 trapianti da vivente
Nel 2006: 2.109 donatori, 3.191 trapianti, 132 trapianti da vivente
Nel 2007: 2.202 donatori, 3.051 trapianti, 133 trapianti da vivente
Nel 2008: 2.303 donatori, 2.934 trapianti, 145 trapianti da vivente
Nel 2009: 2.322 donatori, 3.169 trapianti, 155 trapianti da vivente
Nel 2010: 1.891 donatori, 1.981 trapianti, 109 trapianti da vivente

Al 15/11/2010
10.020 persone sono in lista d'attesa
1.208.651 cittadini hanno espresso il loro consenso alla donazione di organi
Tra i 2.747 trapianti del 2003 ci sono anche io

Fonte - https://trapianti.sanita.it/statistiche/home.as